Voto la prima elezione del Consiglio THATCamp

da Amanda francese Categorie: Amministrativo

Voto

Il voto è ora aperto per il primo Consiglio THATCamp. Abbiamo nove candidati per i quattro posti disponibili nel consiglio di sette persone: Per saperne di più su di loro qui sotto. Il voto sarà visibile in fondo a questo post dopo l'accesso in.

  • È necessario login con il tuo account THATCamp al voto.
  • Votare una volta per esattamente tre (3) candidati per le quattro sedi aperte. La scelta più o meno i candidati possono invalidare il vostro voto.
  • Le votazioni saranno aperte per una settimana, fino alla mezzanotte di Martedì, 25 Marzo, 2014.
  • I risultati verranno visualizzati dopo la fine del periodo di voto. I quattro candidati con il maggior numero di voti serviranno al Consiglio THATCamp.

Potete leggere di più sulla struttura del Consiglio THATCamp e l' “blocco parziale” processo elettorale in Creazione di governance comunitaria per THATCamp. Scrivi Amanda francese gro.p1513011703macta1513011703ht@di1513011703ni1513011703 con tutte le domande.

Si prega di provare ad eleggere un Consiglio i cui membri sono di diversi paesi, ranghi, campi, etnie, e generi.

Candidati

Craig Bellamy

Craig Bellamy

Ho lavorato all'incrocio delle discipline umanistiche e informatica per la maggior parte della mia carriera come educatore, ricercatore, e medico. Ho eseguito uno dei primi THATCamps in Australia, THATCamp Melbourne, e intenzione di fare un altro quest'anno con un focus pedagogico.

Ero un co-fondatore dell'Associazione Australasian per Digital Humanities e sono stato il co-presidente del Comitato di Programma per le nostre prime due conferenze. Inoltre ho lavorato nel campo al Kings College di Londra, l'Università della Virginia, e l'Università di Melbourne. Recentemente ho spostato nel campo dell'eLearning e sono desiderosi di costruire un livello di comprensione tra eLearning e le Digital Humanities, soprattutto attraverso THATCamp Pedagogia.

Frédéric Clavert

Frédéric Clavert

Ho trovato in unconferences un modo molto efficace per mobilitare ed entrare in contatto con la comunità DH. Tutte le THATCamps ho partecipato (CHNM 2009, Svizzera 2011, Saint-Malo 2013) o co-organizzate (Firenze 2010, Parigi 2010 e 2012, Lussemburgo / Trier 2012) ha dato vita a nuovi progetti, i partecipanti hanno contribuito a scoprire le opere di altri partecipanti, a volte li ha aiutati a scoprire intere parti di DH non erano a conoscenza di. Questo è ciò che rende THATCamp così grande e interessante e per questo vorrei correre per il consiglio THATCamp.

Inoltre – e questa è l'altra ragione per cui sono in esecuzione per il consiglio THATCamp – THATCamps sono ottimi strumenti per dare alla comunità DH una dimensione multilingue e multiculturale che a volte manca nel mondo DH. A Parigi in 2010, collettivamente scritto un Manifesto Digital Humanities, che è oggi la base del futuro lingua francese organizzazione DH (essere creata a Losanna questa estate). Ha anche contribuito a entrare in contatto con molti altri attori della lingua francese (e oltre) Comunità DH. In Lussemburgo, potremmo mescolare entrambe le comunità DH tedesche e francesi – due comunità vicine che non erano l'abitudine di lavorare insieme.

Diane Cline

Diane Cline

Diane Cline è professore associato di storia greca antica che è anche fortemente impegnata per lo sviluppo dell'iniziativa di GWU per sostenere l'innovazione attraverso la collaborazione interdisciplinare. Con la sua B.A. in Lettere Classiche da Stanford e Ph.D. in Archeologia Classica presso la Princeton, Diane è diventato un professore di ruolo di Storia presso CSU Fresno prima che unì l'Università del dipartimento Classics di Cincinnati, vincente Dolly Cohen Teaching Award dell'Università di 1999. Lei è stato coinvolto in Vroma, an early Classics digital project in the 90’s and also was an early adopter of online syllabi, prima lavagna e altri strumenti reso facile. Il suo attuale focus di ricerca Classics è relativo all'applicazione dei social network analysis allo studio della storia antica, uno sforzo umanistiche digitali. Gli studenti nel suo seminario “Digital Humanities e lo storico” ospitano DC 2014 THATCamp aprile 26, 2014. Diane ha frequentato l'Università del Kentucky THATCamp nel mese di giugno 2013 così come la Chicago Colloquium on Digital Humanities e Informatica nel 2012 e la Case Western Freeman Symposium on Digital Humanities in 2013. La sua passione è "la tessitura della rete": trovare persone con interessi intellettuali simili, ma che si trovano in diversi reparti e servire da ponte per portare insieme. Un po 'come un THATCamp! Diane è anche un violoncellista con il Washington Sinfonietta e l'Avanti Orchestre di Washington, DC.

Kimon Keramidas

Kimon Keramidas

Sono andato al mio primo THATCamp alla George Mason University in 2010, e aveva uno dei più interessanti, arricchimento e piacevoli esperienze che ho avuto come un accademico. Al contrario di grandi conferenze tradizionali che avevo frequentato mi hanno accolto con un senso di collegialità, sentiti incoraggiati a partecipare e far sentire la mia voce, e ambienti di esperti di discussione intellettuale intensamente piacevole e stimolante. But, soprattutto mi sono trovato immerso in una comunità che è stato è stato in grado di tenere per sé ad elevati standard di rigore accademico e ricerca, pur comprendendo che i rigori di esplorare l'intersezione delle scienze umane e la tecnologia sono più vissuti in un ambiente umano e rilassato. Da quel primo viaggio al Centro per la Storia e New Media, Ho frequentato e THATCamps organizzati sperando regolarmente sia per la crescita della comunità favorire all'interno di diversi settori delle scienze umane, compresi pedagogia, musei, e le arti dello spettacolo, e per esporre più persone la possibilità di più fruttuosa, ambienti costruttivi e umane. Credo fermamente che il modello non-conferenza e il progetto THATCamp possono essere strumenti per il cambiamento nelle discipline umanistiche, può svolgere un ruolo nel negare molti degli effetti dannosi o gerarchie accademiche rigide, e può favorire il senso di sperimentazione e di libertà di pensiero che è necessario per noi di attingere veramente il potenziale delle nuove tecnologie in ambito accademico. E 'per questo motivo che mi piacerebbe partecipare al Consiglio THATCamp, come sarei onorato di giocare un ruolo nel contribuire a plasmare il futuro e continuare il successo di questa impresa veramente interessante.

Jeffrey McClurken

Jeffrey McClurken

Dal primo THATCamp a RRCHNM, Sono stato eccitato dal formato, l'opportunità di parlare, create, e costruire con altre persone in digitale inclinati, e la possibilità di introdurre nuove persone per le discipline umanistiche digitali. Ho partecipato a quasi una dozzina di THATCamps, eseguire numerose Bootcamp / workshop, e ha contribuito ad organizzare quattro THATCamps (2 iterazioni di THATCamp AHA e 2 di THATCamp Virginia). Voglio unirmi al Consiglio THATCamp modo che io possa aiutare a continuare all'aperto, non gerarchica, compresi, spirito produttivo che ha infuso THATCamp per tanti.

Scott McGinnis

Scott McGinnis

Organizzare THATCamp Bay Area 2011 è stato uno dei momenti salienti degli ultimi anni per me. Una manciata di noi aveva lavorato tutta l'estate per riunire più di 100 persone, molti dei quali esordienti. Solo dieci mesi prima, Ero io stesso un noobie a THATCamp, e sono stato subito impressionato con il modello non-conferenza e la comunità che attira. Le sessioni erano energici, conversazioni dinamiche, partecipanti diversi in vista e lo sfondo, e tutto il tempo, l'unica pressione che sentivo era dalla mia incapacità di prendere tutto. Per me, questo è speciale. Così, quando ho saputo THATCamp passerà a un nuovo modello di governance, Ho subito deciso di gettare il mio nome nel cappello, che io possa sforzarsi di aiutare questa grande comunità continuerà a crescere e prosperare.

Serge Noiret

Serge Noiret

Che cosa potevo portare l'organo di governo THATCamp, la mia esperienza internazionale organizzando THATCamp e cercando di capire come meglio ripensare e sviluppare il programma internazionale. Nel mese di marzo 2011, presso l'Istituto universitario europeo, Firenze, Italia, Ho organizzato THATCamp Firenze per tre giorni e con più di 200 partecipanti registrati insieme con un THATCamp in Digital Humanities; il AIUCD, Associazione Italiana per la DH e Digital coltura è stata fondata durante THATCamp Firenze e la Manifsto per DH scritto durante THATCamp Parigi 2010 è stato approvato nel corso della riunione. Ho frequentato, Pannelli proposte e coordinate per THATCamp NCPH Pensacola (2011), THATCamp NCPH Milwaukee (2012), THATCamp Lausanne Svizzera (2012), THATCamp Lussemburgo nel DIHULU2012 e frequentato THATCamp Leadership in Fairfax (2013). Mi è stato chiesto dell'Università di Bologna a Rimini e il AIUCD di coordinare una THATCamp per 2015; altri due THATCamp può essere organizzato ad Amsterdam nel mese di ottobre 2014 nel corso della riunione annuale IFPH (Federazione Internazionale di Storia pubblico) e in Jinan, La Cina nel mese di agosto 2015 durante la CISH (Comitato Internazionale di Scienze Storiche) and IFPH meeting. I followed THATCamp as a movement from its very beginning and was very much interested to its organization, è aperto, modo genuino e disinteressato lavorare collegialmente nel campo di DH e soprattutto nella storia digitale, favorendo la conoscenza dell'impatto della svolta digitale sulla disciplina storia. Mi piace molto lavorare con altre persone.

Grazie alla EUI, mia università, post-laurea e post-dottorato universitario europeo unico nelle scienze umane e sociali con i membri provenienti da paesi dell'Unione Europea e in altri continenti, Sono in contatto con un importante network internazionale di soggetti interessati e studiosi. So che diverse lingue e ha lavorato per molti anni con decine di diversi professori, ricercatori di dottorato e post-dottorato provenienti da diversi sistemi accademici diversi.

Mi piacerebbe molto contribuire a sviluppare a livello internazionale il movimento THATCamp con particolare riferimento alle questioni Digital storia pubblica se avrei l'onore di essere eletto nella Carta Consiglio THATCamp. Sarei in grado di soddisfare "fisicamente" almeno una volta l'anno durante i miei viaggi bi-annuali negli Stati Uniti alla riunione annuale NCPH ed a New York per la Pasqua, anche se io non credo che vivere a Los Angeles o in Firenze, L'Italia sarebbe molto diversa per la partecipazione alle riunioni del Consiglio Noleggio THATCamp.

Anastasia Salter

Anastasia Salter

Ho partecipato a molti THATCamps tutto il paese e organizzato la mia, THATcamp Games, che ha generato un successore. Scrivo per ProfHacker, un blog sulla tecnologia e pedagogia che affonda le sue radici nella THATCamp, così ho visto in prima persona la capacità di THATCamp di costruire progetti e idee che durano a lungo, dopo essere particolari estremità del campo. Sono molto interessato in molti modi il modello può evolvere: Sarò in esecuzione una prossima iterazione di THATCamp Games quest'anno in concomitanza con un convegno, alterare la formula per adattarsi alla nuova impostazione e riunire i professionisti con la comunità DH. Sono molto interessato a modi in cui possiamo giocare con il modello unconference e mantenere la nostra idea di che cosa THATCamp è in continua evoluzione. Mi piacerebbe aiutare gli altri esperimenti gli organizzatori con le strutture di THATCamp di creare valore duraturo per DH “veterani” e “niubbi.” Questo consiglio è un'importante opportunità per costruire su fondamenta di THATCamp e sperimentare modi per ulteriore quota, curato, e preservare la conoscenza generata dalla comunità.

Micah Vandegrift

Micah Vandegrift

La formalizzazione e la governance di THATCamp sottolinea un punto importante nella nostra storia collettiva; abbiamo raggiunto il tempo quando un'idea è diventato un'istituzione. L'idea alla base THATCamp mi ha ispirato come uno studente laureato, e ora, come io cresco nella mia carriera come bibliotecario rifletto continuamente alla THATCamp del Ho partecipato interamente formativo per i valori professionali che ora tengo. Le idee che tutte le voci (fuori ruolo, non accademico, pubblico(s), diverso, classificata o non, etc) sono accolti nel dibattito, che la conversazione è sempre sviluppando, e che “chiacchierando e hacking "può e deve coesistere definire il mio approccio per l'accademia, nonostante il fatto che l'accademia spesso non vede come così. Credo che TheseCamps saranno / sono una forza per il cambiamento e sarei onorato di giocare alcun ruolo in esso. Mi piacerebbe vedere THATCamp continuare a crescere, essere localmente investito, mentre a livello globale digerito, e di istituzionalizzare gli ideali che mi hanno ispirato a diventare un membro-canaglia travolgente di un sistema che insegna creativo libero pensiero, ma le ricompense che rientrano in linea.

Con questo, Sono molto lieto di segnalare il mio desiderio di correre per un seggio nel Consiglio inaugurale THATCamp.

Scrutinio

[hidepost]

Ogni utente può THATCamp votare una sola volta per esattamente tre (3) candidati per i quattro aperti seggi del Consiglio THATCamp. La scelta più o meno i candidati possono invalidare il vostro voto.

Questo sondaggio è chiuso! Sondaggio attività:
Start date 06-03-2014 17:55:59
End date 25-03-2014 23:59:59
Risultati del sondaggio:

[/hidepost]

  1. Foto del Profilo

    Many thanks to all of you for pursuing being on the Council! Any and all of you would be great for making THATCamp an even better experience for all who attend one, and an even better example of events for fostering creative, generative, disruptive, and building stuff interactions.

  2. Foto del Profilo

    Do the candidates support adopting a template Anti-Harassment Policy or Code of Conduct, such as the one published in this wiki? If so, please share what policies/procedures you would have THATCamp adopt so that individual camps can successfully adopt/enforce an Anti-Harassment policy.

    • Foto del Profilo

      That sounds like a great agenda item for the first THATCamp Council meeting, Cristóbal, and since I’m Chair pro tem until the Council is elected and we appoint a new chair, I can promise you it’ll be there. First meeting will probably be April sometime. A few months ago there was some discussion about adopting the Code4Lib conference anti-harassment policy, and I went so far as to fork it on GitHub: github.com/chnm/antiharassment-policy But that’s as far as it’s gotten. Reviewing and adopting that or something like it is a very good idea. Long overdue, più probabile.

RCHN Mellon Mellon